SBAM!

I due screenshot che ho caricato sono due degli screenshot che hanno caratterizzato le home page di tutti i siti di informazione del mondo il 15 febbraio 2013.

Un’evento analogo, anche se di portata ancora superiore è occorso nel 1908, ma a più di 100 anni di distanza siamo stati fortunati per molteplici motivi:

  • E’ caduto in un luogo dove abbiamo potuto osservare il fenomeno. 3 volte su 4 cadrebbe in mare, magari lontano da occhi e fotocamere.
  • E’ caduto in un luogo popolato, ma non troppo. Cosa sarebbe successo fosse stato a New York?
  • Viviamo nell’epoca degli smartphone e di youtube, abbiamo visto e sentito quello che è successo praticamente in tempo reale.

A causa dell’effetto sorpresa della frammentazione delle informazioni e della scarsa conoscenza di quello che è successo davvero secondo me abbiamo un po’ sottovalutato l’evento di cui siamo stati testimoni.

I filmati corredati di audio che ci sono su youtube sono a mio avviso spettacolari, specialmente la parte sonora e questo è, per me, fighissimo ma il sassolino che ci è caduto sulla testa era all’incirca di 15 metri di diametro e ha causato una scia e un boato che potete vedere al minuto 4 (circa) e udire al minuto 7 del filmato che segue

Considerando che la comunità scientifica monitora costantemente le traiettorie degli oggetti che hanno diametro a partire dai 100mt in su (che questo come detto era 15) e che siamo costantemente bombardati da oggetti più o meno minuscoli ammettiamo anche tra altri 100 anni ne cada uno da “solo” 50 metri di diametro mi chiedo: che fine faremmo?

Secondo me la Natura ci guarda e se la ride. Ah se se la ride.

feb 17, 2013Scienza e Tecnologia