Post taggati come 'Aviazione'

In Home Page su airliners.net

Sono finito in prima pagina su airliners.net
Non so con quale criterio sia stato scelto il mio profilo per la visualizzazione in Home Page, ma la cosa mi fa abbastanza piacere :)

Bencio su airliners.net

nov 12, 2008Aviazione, Personale

Ferrara Baloon Festival

Il festival delle mongolfiere si è tenuto a Ferrara lo scorso fine settimana.
Peccato per il forte vento.

Ferrara Baloon Festival

Ferrara Baloon Festival

Un passaggio di puro orgoglio italiano

Ferrara Baloon Festival
set 30, 2008Aviazione, PhotoBlog

Spotter della Madonna

Dicesi spotter individuo che ama fotografare aerei, a terra e in volo.
Lunedì sera a Bologna i Coldplay sono in concerto a Bologna, e arrivano con il loro aereo privato.
A fondo pista naturalmente c’è qualcuno, nello specifico Beppe, che immortala il velivolo in atterraggio.
Qui trovate il report quasi in diretta dello stesso Beppe, lasciato sul forum di Volabologna, il sito dell’associazione degli spotter di Bologna (di cui io faccio parte, e ho pure fatto il sito).
Non fa in tempo ad arrivare sera che Volabologna viene linkata da coldplaying.com, la più grande comunity della rete dedicata ai Coldplay, grazie proprio allo scatto di Beppe!

Ottimo colpo!

set 30, 2008Aviazione, PhotoBlog

Sono finito su jetphotos – Rettifica!

Io sono quello con la maglia grigia.

UPDATE

Non è la prima volta che finisco su jetphotos, grazie a Zanfo, l’autore del commento, sono stato immortalato anche a Londra!

lug 14, 2008Aviazione, PhotoBlog

Il Signor Conti perde il pelo, ma non il vizio.

UPDATE del 28 Marzo 2008

Casualmente dopo il mio post e molto probabilmente dopo un commento, non pubblicato ovviamente, sul sito de “La Stampa” la foto è magicamente sparita. Leggi pure sotto per capire cosa è successo.


Un pò di tempo fa avevo denunciato il fatto che il giornale di Torino “La Stampa“, e nello specifico il giornalista Angelo Conti, avesse pubblicato in un suo articolo sul giornale on line una mia foto presa da airliners.net senza citare me nè come autore della foto, nè tantomeno il sito come fonte.

Dopo una mia mail di protesta la foto fu rimossa, e dal Sig. Conti mi arrivarono calorosi complimenti, e una proposta di risarcimento, che io accettai; il Signor Conti forse questo non se lo aspettava, tant’è che dopo aver fatto passare, secondo sue parole, la proposta all’ufficio contabilità del giornale, ha pensato bene, nonostante un mio sollecito, di farsi di nebbia, e di non rispondermi più ad alcuna mail.

Oggi la storia si ripete, e per giunta a una mia amica (già avvertita del fatto), anche lei fotografa in quel di Bologna.

Il sig. Conti, o chi per lui, prende una foto, pensando che nessuno se ne accorga, la taglia e la schiarisce, pensando di essere a posto, e la pubblica senza preoccuparsi di citare l’autore.

il sig.conti perde il pelo, ma non il vizio

Qui l’articolo de “La Stampa“, qui la foto originale

La foto è la stessa, anche se sono stati alterati i colori è distinguibile la figura del pilota in cabina, inoltre l’inquadratura coincide.

Chissà se colui che si occupa di pubblicare sul web notizie e foto sarà tanto bravo e veloce a rimuoverla, come è stato per il mio caso, e a proporre un risarcimento per poi non farsi più sentire.

La correttezza o la si impara da piccoli, o comperarla al mercato da grandi non è possibile, mi pare chiaro e lampante. Almeno, sotto la Mole funziona così.

mar 28, 2008Aviazione, Personale, Tennis

Sempre attributi sono

LH044I signori che vedete a fianco sono Capitano e First Officer del volo LH044 che ha dato spettacolo ad Amburgo in fase di atterraggio.
Chi guidava era la signorina, 24 anni, attributi d’acciaio nonostante il gentil sesso.

E’ come al solito buffa l’incompetenza con la quale i giornali hanno trattato l’avvenimento.
Scrivere un articolo per un quotidiano con cognizione di causa sull’argomento trattato è un lusso riservato a pochi eletti.

Leggo sul Corriere, qui l’articolo, ed estrappolo un paio di frasi:

Perchè il pilota abbia dato in mano i comandi alla sua inesperta collega Maxi J. nella drammatica fase d’atterraggio, non è ancora chiaro.

Lo scriba in questione non deve aver mai sentito parlare di pilot flying e pilot not flying, evidentemente. Difficile pensare che guidi sempre e solo il comandante, intuitivo ed ovvio che si è in due in cockpit, e ci si alterni ai comandi.
Definire incompetente Maxi J. è da sottolineare, come se aver sbattuto l’ala fosse dipeso da lei, e non dal vento.
La raffica laterale che arriva dopo aver posato le ruote anteriori è notevole, ed è quella che sposta l’aereo quasi fuori dalla striscia asfaltata, decidere il go-around ed eseguirlo è, tecnicamente, una mossa da addestramento, ma tra il dire e il mare c’è sempre di mezzo qualcosa di troppo grande per essere previsto e compreso senza averlo provato, quindi il plauso alla signorina ci va ugualmente.

Inoltre

Generalmente uno dei due assume i comandi mentre il suo secondo coordina il traffico aereo

Si certo, coordina il traffico aereo, d’altra parte le Torri a cosa servono? E’ il Capitano di tutti i voli che coordina il traffico, “Tu vai su, tu vai giù, passo io!”
Io me li immagino i comandanti che per radio si insultano, come si fa nelle metropoli ai semafori, o quando non ci si dà la precedenza. Poi magari tirano pure fuori il dito medio, mentre sono in volo e superano a destra.

mar 06, 2008Aviazione, Opinioni

Avrei voluto essere a bordo

Metereologicamente il vento che ha spazzato l’Europa nel fine settimana è detto Mistral, e la sua caratteristica è quella di manifestarsi attraverso forti raffiche, che possono raggiungere facilmente i 130 km/h.

Proprio durante questo fine settimana il mistral ha soffiato in Europa. La tempesta chiamata Emma ha causato una marea di danni in Germania, arrivata anche in Italia, porterà freddo e neve nella prossima settimana.

Ad Amburgo le punte del vento sono arrivate a 90/100 km/h, e dal punto di vista aeroportuale 1 aereo su 2 non è riuscito ad atterrare.
Qualcuno in Germania ha deciso proprio di non arrivarci, un volo della Lufthansa si è fermato a Bologna anziché arrivare fino a Monaco, qualcun’altro ha deciso quantomeno di provarci.
Il pilota del volo Lufthansa LH44 ha provato a portare i suoi passeggeri a terra, ma ha avuto qualche problema.

L’aereo ha toccato terra, poi è stato spostato con violenza dal vento, si è sbilanciato, ha toccato con l’ala sinistra la pista, è stato quasi trascinato lateralmente fuori dalla pista sempre a causa del vento e a questo punto il pilota ha deciso di tornarsene in aria.

Tecnicamente la mossa si chiama atterraggio con vento traverso (crosswind landing) e il tornarsene con il muso per aria si chiama go-around

Capisco sia difficile far capire che la mossa è normale in ambito aeronautico, che i piloti sono addestrati proprio per prendere questo tipo di decisioni in tempi strettissimi dopo aver visto il filmato dell’atterraggio.

Voi non avreste voluto essere a bordo?

mar 03, 2008Aviazione

Prospettiva

Nel fine settimana ho cambiato prospettiva.
Abitualmente ero solito avere la macchina fotografica in una mano e la scaletta nell’altra, attraversare la strada, avvicinarmi alla rete, appoggiare la scaletta, salire, e scattare.

La prospettiva per me appariva così come la si vede a lato, con buona pace di chi, dall’altra parte, non capiva bene cosa facesse una persona in cima ad una scala che semplicemente guardava, e spesso salutava.

Nel fine settimana una serie di eventi, che procedono nella stessa direzione oramai da molto tempo, hanno raggiunto un apice, meno provvisorio di quanto io stesso in un primo momento abbia pensato, e il cambio di prospettiva è stato folgorante.

Sono stato un km più avanti di quanto fossi abituato, ma soprattutto oltre la rete.

A319 climbing

 

10112007(001)10112007(001)Al momento del ritorno a casa, non avendo la macchina fotografica idoneamente pronta ad immortalare uno scatto notturno mi sono dovuto accontentare del cellulare, affidandomi al megapixel abbondante per rendere l’idea di dove ero, e di dove in futuro, spero di potermi trovare molto spesso.

nov 12, 2007Aviazione, PhotoBlog

Primo A380 alla Singapore Airlines

Oggi viene consegnato il primo esemplare di Airbus A380 alla Singapore Airlines, il quale farà il suo esordio nei cieli tra dieci giorni sulla rotta Singapore-Sydney, volo SQ220 / 221; peccato non l’abbiano messo sulla Singapore Londra, almeno sarebbe stato più vicino da andare a vedere.
L’aeromobile avrà registrazione 9V-SKA (ex F-WWSA) e l’interno sarà suddiviso in tre classi, di seguito includo un video dimostrativo di cosa aspetta a chi ci salirà a bordo.

Altri video li trovate sul sito ufficiale del 380, a questa pagina. Per poter vedere i video, che hanno estensione flv, è necessario un player apposito, che trovate in qui.

La cerimonia di consegna, che può essere seguita in diretta streaming su internet sul sito Airbus.com a partire dalle 10, avverrà a Tolosa, e l’aereo partirà per Singapore il 16 ottobre alle 15.30 locali.

A questa consegna entro una settimana seguiranno altre 3 macchine, sempre per la Singapore Airlines, che attualmente sono a Finkenwerder, Germania, pronte per essere pitturate.

La compagnia asiatica è la prima fortunata a ricevere la consegna del famoso aeromobile, ad essa seguiranno Emirates, Qantas e Malaysian. Inutile fare paragoni con la nostra compagnia di bandiera, ma tanto per rendere l’idea di quanti soldi possano avere le compagnie aeree orientali si tenga presente che Emirates ha intenzione di ordinare 55 esemplari di A380 per rimpolpare l’hub di Dubai.

Un enorme mostro, anche esteticamente (per quello che mi riguarda) ma a me piacciono gli aerei grandi!

[tags]airbus, a380, singapore airlines[/tags]

ott 15, 2007Aviazione

Phuket, l’incidente dal passeggero

Un video girato da un superstite dell’incidente aereo di Phuket di qualche giorno fa, pochi minuti dopo lo schianto.

Tremendo, lo sguardo di chi sa di essere stato fortunato, il vagare disorientato delle persone.

Mi permetto anche una piccola polemica: il video pare girato qualche minuto dopo lo schianto, e dei soccorsi nessuna traccia. Perché viene da chiedermi, quante vite si sarebbero potute salvare se fossero stati tempestivi?

[tags]phuket, aircraft, aereo, accident, incidente, disastro, md, One-To-Go[/tags]

set 19, 2007Aviazione