Post taggati come 'Siti e Minchiate in Rete'

Strabordante successo

A mesi e mesi dall’inizio della telenovela chiamata italia.it (a partire dal budget e dalla prima versione del sito, fino ad arrivare al logo scelto), ancora non si arriva a vedere la fine del portale.

Poco male, mi viene da dire, consoliamoci con il portale della difesa aeronautica, talmente tanto sicuro da essere segnalato da Google come sito maligno.

Ipse dixit #2

80248
La legge è uguale per tutti, ma non la sua applicazione

Avv. Niccolò Ghedini
ott 06, 2009Ipse Dixit

Ipse dixit

megan_fox

Le donne hanno sempre avuto il potere per via della vagina.
Se sei in una relazione eterosessuale e sei una donna, hai già vinto.

Megan Fox (intervista Cosmopolitan Settembre)
set 25, 2009Ipse Dixit

Ehi idiota

Mi stai pestando il vestito

1252138031250_00fdc6fa

set 05, 2009Siti e Minchiate in Rete

“Mister Obama” in mp3

Qualcuno la cercava come suoneria per il suo telefonino, e nonostante tutti sapessero di cosa si stasse parlando non c’era un mp3 corto che riportasse il “Mister Obamaaaa” di Berlusconi al G20.

Grazie a youtube e a qualche software free, ecco l’audio della frase incriminata

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

apr 28, 2009Siti e Minchiate in Rete

Giornalismo approssimativo

Provate a trovare la differenza tra le due foto

terremoto

Il sottoscritto grazie anche ad eventi passati non ha stima dei giornalisti, per niente, e questo non fa che rafforzare la sua tesi.

Simpons, la nuova sigla

Si passa all’HD, e anche la ormai ventennale sigla iniziale si adegua

Consigliata la visione in altà qualità.

feb 16, 2009Siti e Minchiate in Rete

Un che di apocalittico

Un poliziotto canadese riprende, per caso un meteorite che cade.
Il tutto ha, ai miei occhi, un che di apocalittico.

nov 25, 2008Siti e Minchiate in Rete

Pubblicità censurate

E’ visibile sulla Homepage di repubblica.it, in questo momento, uno speciale dedicato alle pubblicità censurate perché ritenute troppo esplicite o scandalose.
Inutile dirlo, i riferimenti sono tutti di natura sessuale, mai violenta.
Tra tutte le pubblicità rimosse dalla pubblica visibilità, non so perché, questa mi ha fatto particolarmente sorridere, pur non avendo capito nulla di quello che c’è scritto; forse per la banalità a livello zero dell’immagine, forse per le due stanghette dell’euro che simulano le braccia.

advertise

[Paese che vai, scandalo che trovi]

ott 16, 2008Siti e Minchiate in Rete