Post taggati come 'Wordpress'

Eseguire cron su Aruba

Chi dispone dell’hosting base fornito da Aruba non la possibilità di accedere al pannello di configurazione del server (cpanel o plesk che sia), e questo non permette di eseguire il processo di cron e conseguentemente di mantenere aggiornato il sistema.

Esistono però due soluzioni per ovviare a questo problema:

La prima è quella di affidarsi ad un servizio on-line, la seconda è quella di utilizzare un modulo scritto per Drupal, il quale tramite un piccolo javascript aggiunto nel codice della propria pagina controlla se e quando è necessario eseguire il processo di cron (in pratica quando un utente visita il sito viene lanciato questo controllo, e a seconda del responso si esegue il processo tramite una richiesta Ajax).

La frequenza del lancio del cron è controllabile dal pannello di amministrazione del sito, sotto la voce “Informazioni del sito”.

Il modulo di cui ho parlato si chiama poormanscron

Adepto della goccia

Dopo qualche ora, qualche invcazione a Santi, un pò di pazienza e fortuna sono riuscito a migrare l’ambaradan da WordPress a Drupal.

Niente di personale, WordPress rimane uno dei migliori su piazza per la gestione pura e semplice dei blog. Drupal è un prodotto (enormemente) più complesso, ma che dà anche margini più ampi di utilizzo.

Non che ci debba fare chissà cosa, ma ho trovato più stimolante passare ad un gestionale più manipolabile.

La fase di trasporto è andata incredibilmente liscia. Ovviamente gran parte di questo va al fatto che l’autore del blog esportato da WordPress ha un singolo autore.

Per chi conosce Drupal, esso funziona a moduli, e per la transizione ho utilizzato WordPress Import (il quale necessita di altri moduli, come ad esempio Trackback)

Post, URL (grazie a pathauto e dopo aver attivato i clean url), categorie e tag, sono andate tutte al loro posto, praticamente subito.

Ora si tratta di mettere a posto i dettagli del tema (WordPress e Drupal funzionano in modo abbastanza diverso), i meta, e altri particolari di poco conto.

 

Ancora riguardo panorama.it e l’open source

Riprendo un commento lasciatomi da marco nel post precendente:

Ciao, sai che non ho capito la domanda? Nel senso, ti lascia perplesso l’uso di WpMU come Cms? Facci sapere, ciao

Effettivamente sono perplesso per l’uso di wordpress come CMS, ma in senso positivo, ciò meriterebbe una riflessione, e di seguito proverò a spiegare il perchè:

Una piattaforma di blogging come WordPress, sviluppata con l’aiuto di tante persone che ci lavorano senza scopo di lucro, raggiunge livelli di plasmabilità e di funzionalità (grazie ai numerosi plugin che vengono scritti da tanti utenti) tali da permetterne l’uso di un portale importante come panorama.it, questo implica fondamentalmente due cose:

A) A livello ideologico un lavoro svolto da utenti che conoscono il meccanismo di funzionamento della rete e degli strumenti che si possono usare può arrivare a competere in termini di funzionalità con software che vengono venduti (anche a caro prezzo).
La mente mi torna ai milioni di euro spesi per italia.it, sempre in termini ideologici se anzichè spendere tanto il lavoro fosse “cresciuto” grazie alla passione e non in nome del denaro forse il risultato sarebbe stato migliore (forse, non posso esserne certo, ma il pensiero comunque m’è venuto)

B) Sono rimasto piacevolmente sorpreso nel vedere che un nuovo portale abbia scelto di utilizzare prodotti open; questo significa che chi ha deciso di intraprendere la costruzione del nuovo portale non ha pensato di fare un buon lavoro solo investendo dei soldi e che chi ha tecnicamente svolto il lavoro ha una conoscenza della rete (o meglio del web 2.0), di chi ne fa parte e di come, e grazie a cosa, questo web 2.0 nasce e cresce.

In un futuro mi piacerebbe fare parte di un team di lavoro che ragiona in questo modo.

Ecco spiegata la mia mail a Montemagno, effettivamente non ero stato molto chiaro, spero esserlo stato ora :)

[tags]panorama.it, wordpress, coppermine, punbb, web 2.0, open source[/tags]

mar 20, 2007Css & Webdesign, Wordpress

Panorama.it usa WordPress, e non solo

Attraverso un articolo di Marco Montemagno (giornalista di SkyTg24) apprendo che il CMS del nuovo sito panorama.it è una versione multiuser di wordpress, denominata WordPress MU.

Spulciando tra i credits del sito si nota come WordPress non sia stato l’unico prodotto opensource utilizzato nella costruzione del portale, Coppermine per le gallerie fotografiche e PunBB per il forum; inoltre molte icone derivano dal Silk icon set 1.3 di Mark James.

Il sito è stato rinnovato di recente, il restyling volge molto verso la creazione di un portale di riferimento (almeno così da una prima analisi mi pare), il tutto fa molto web 2.0, con scambio libero di informazioni e contenuti.

Quello che mi ha fatto riflettere nella sua stranzezza è l’effettiva “potenza” dei prodotti open source utilizzati, in particolare di WordPress MU, che nasce come piattaforma per il blogging, ma che vedo utilizzato già in più parti come CMS.

Ho chiesto un parere allo stesso Montemagno, il quale, molto gentilmente, ha dedicato un post alla mia richiesta.

Questo l’articolo che riprende la mia mail.

[tags]panorama.it, wordpress, coppermine, punbb, web 2.0, montemagno, open source[/tags]

mar 17, 2007Css & Webdesign, Wordpress

Ti sei offeso forse?

FFIE.jpgMi riferisco a Internet Explorer.
Da quando infatti ho espresso dubbi e perplessità circa l’installazione della versione 7 e sulla sua dubbia utilità il browser di Bill ha smesso di funzionare.
Per carità, la cosa non mi turba minimamente, anzi l’ho preso come il segnale per rimuoverlo, in attesa di tempi migliori…
La cosa a pensarci bene potrebbe anche destare un po’ di preoccupazione. Che IE sia dotato di un qualche meccanismo di sorveglianza su quello che succede nei nostri pc e affini? Sarebbe una spiegazione plausibile che giustificherebbe lo sciopero del browser; non saprei che altre ipotesi prendere in considerazione, oltre ad una macumba di qualcuno che ha letto delle mie perplessità.

Va beh, intanto già che ci sono butto lì qualche applicazioncina a caso:
1. Un’estensione per Firefox, che potrebbe essere utile a chi, come me, quando deve fare un sito, si legge i css altrui per trovare qualche idea o è incuriosito dai template un pò strani. Si chiama X-Ray e con essa è possibile ispezionare i tag associati a ciascun elemento su una pagina, e vedersi le caratteristiche sul foglio di stile corrispondente.

2. Altra estensione per FF, tale gSpace, che consente di utilizzare lo spazio che gmail mette a disposizione come hard disk remoto. E’ molto comodo se vi dovete passare file (penso che google limiti la grandezza a 20 mega) da un pc all’altro e non volete usare chiavette usb o altro. Personalmente consiglio di crearsi un account apposito dove archiviare i file. Questo perchè ogni qualvolta voi caricate qualcosa si crea un messaggio visibile nella vostra casella con allegato il file inviato (che non potete cancellare altrimenti si cancella anche il file), e ciò potrebbe risultare fastidioso se si dovesse mescolare con la posta elettronica reale che avete.

foxit.jpg3. Per chi come me odia Acrobat Reader per leggere i pdf, che oltre che essere pesante chiede di essere aggiornato un giorno si e un giorno no, esiste un bellissimo programmino chiamato Foxit Reader, per Windows, semplice, carino e leggero (non zippato è 2.58 mega). Io con i pdf non ci faccio chissà cosa, li creo con Ghostview e li leggo, appunto, con Foxit, e mi trovo bene (per ora).

Di estensioni per Firefox ne comincio ad avere tantine, leggendo il nome di alcune non mi ricordo nemmeno a cosa servono.

WordPress 2.0

E’ stata rilasciata finalmente al pubblico la release 2.0 di WordPress.

Sarà quindi possibile ora testarla sui propri blog, in attesa dell’uscita ufficiale.

E’ interessante notare come si sia passati da una versione attesa 1.6, direttamente alla 2.0, a causa dell’ingente numero di modifiche.

Ora non ho tempo di installarla (ora nel senso più stretto del termine), appena potrò lo faro’ sicuramente, perche’ sono curioso di vedere le innovazioni in fase di scrittura di post; ad esempio una cosa che mi sconfinferla molto è il wysiwyg, assente nelle precedenti release.

Qui c’e’ il link diretto al download
.

Prendete e godetene tutti.

UPDATE:
WordPress.com ha aperto i battenti a tutti, senza necessita’ di invito.
I blog ospitati usano, appunto, wordpress 2.0

nov 20, 2005Wordpress

WordPress per Unioneweb.it

Non nascondo un po’ di sorpresa,ma anche molto piacere nello scrivere che il sito web dell’Unione, Unioneweb.it, e’ interamente gestito tramita l’uso di WordPress.

Per ragioni che spieghero’ in seguito sono stati rimossi dalla pagina tutti i riferimenti alla Home Page di WordPress, pero’ se si controlla il sorgente della pagina si notano parti di codice che appartengono sono inconfondibili, ed inoltre la pagina di amministrazione non e’ stata conservata rinominata rispetto all’originale.


E’ cuoriosa come cosa. Io stesso nel fare siti ho sempre pensato a wordpress come ad un CMS molto semplice, pulito e gratuito, ma non avevo mai visto l’applicazione pratica di questa mia idea ad un livello così elevato.

E’ interessante anche scoprire tutti i modi in cui wordpress puo’ plasmarsi alle esigenze del sito, anche ad alto traffico, e con un elevato livello di sicurezza.
E’ proprio la sicurezza la ragione per cui non e’ stato pubblicato il credit a wordpress, per togliere quanti piu’ riferimenti rispetto alla tecnologia utilizzata.
Cio’ è stato detto, su wordpress-italy, dal diretto gestore del sito dell’Unione, che ha anche spiegato che per rispettare la licenza GNU, sono stati mantenuti tutti gli altri riferimenti di codice (nomi di pagine e di funzioni), cosa che normalmente non avviene.

ott 28, 2005Wordpress

Trasloco Avvenuto

LinuxE’ avvenuto senza particolari problemi il trasloco di bencio.net da hosting Windows a hosting Linux. Quest’ultimo e’ notevolmente piu’ vantaggioso rispetto al prodotto di casa Bill in quanto permette di far girare senza particolari problemi molti script che richiedono permessi di scrittura sulle varie cartelle.

E finalmente gira senza problemi anche wordpress, non fa piu’ le bizze il login, non ho piu’ problemi di database o altri problemi di sorta.

Per chi si dovesse trovare a fare i conti con Aruba consiglio quindi caldamente di sfruttare l’hosting Linux, e per chi avesse un dominio gia’ registrato consiglio una conversione, gratuita in caso di rinnovo.

WordPress 1.5

WordpressHo dei problemi con l’aggiornamento del Blog alla versione 1.5 :
bencio.net è hostato, ancora per poco, da Windows. Questo crea non pochi problemi alla nuova release di WordPress.

Tutto cio’ non cambia nulla, nella fisionomia del sito, al massimo me ne accorgo io se qualcosa non va.
Pero’ è una situazione alquanto fastidiosa.


Il primo problema che ho riscontrato è quello di non riuscire ad accedere al pannello di amministrazione; dopo aver inserito User e password compariva nuovamente la machiera di ingresso, come se non fosse successo nulla.
Soluzione trovata grazie a questa news, oltre all’articolo ufficiale.

Il secondo problema, che ancora non ho risolto, è legato in qualche modo all’hosting Windows e al file wp-blog-header.php, fondamentale per il funzionamento di WordPress e di tutte le sue funzioni. A quanto pare non vanno d’accordo quando nell’url viene passato qualche tipo di parametro, il risultato è “errore 404″.

Entro qualche settimana passero’ all’hosting Linux (con molti giovamenti, non solo per quello che riguarda WordPress), e il tutto si dovrebbe risolvere. Nel frattempo continuero’ a cercare informazioni per risolvere questa situazione.

apr 20, 2005Web e Informatica, Wordpress